IL PROGETTO


TURISMO & SICUREZZA



Con l'obiettivo di potenziare l'attività di prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro, il 14 settembre 2012, presso la sede Inail di Perugia, è stato sottoscritto un Protocollo d'intesa - tra INAIL di PerugiaEnte Bilaterale del Turismo dell'Umbria, Centro servizi di Perugia dell'Ente Bilaterale del Turismo dell'Umbria e Ente Bilaterale del Terziario della provincia di Perugia,- che prevede il coinvolgimento di un consistente numero di imprese sul territorio.

A siglare il Protocollo sono stati la direttrice della sede Inail di Perugia Alessandra Ligi, la presidente dell'Ente Bilaterale del Terziario della provincia di Perugia Cristiana Casaioli, il presidente dell'Ente Bilaterale del Turismo dell'Umbria Enrico Bruschi, il coordinatore del Centro servizi di Perugia dell'Ente Bilaterale del Turismo dell'Umbria Vasco Gargaglia.
Gli Enti Bilaterali del Terziario e del Turismo sono organismi paritetici, di cui fanno parte Confcommercio della provincia di Perugia e le organizzazioni sindacali dei lavoratori dipendenti Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs Uil.

Con la firma del Protocollo, le parti intendono avviare un progetto per la verifica dei livelli di sicurezza lavorativa presenti nelle aziende del settore turismo (alberghiero e ristorazione) e per l'individuazione di eventuali criticità da superare, con l'obiettivo di definire un metodo per l'adozione di buone prassi volte a contribuire al miglioramento degli standard, secondo i principi del Testo Unico sulla Sicurezza (81/2008).

S'intende quindi procedere con la sperimentazione della procedura individuata presso un campione di aziende del settore, nonché alla successiva fase di diffusione ed adozione del modello nel territorio.

Ulteriore obiettivo dell'intesa è contribuire a migliorare la conoscenza degli adempimenti e degli iter amministrativi Inail, nonché diffondere una maggiore conoscenza delle agevolazioni a favore delle aziende.

Il progetto punta nel complesso ad innalzare il livello di consapevolezza dei rischi presenti sul luogo di lavoro, da parte dei lavoratori e dei datori di lavoro operanti nel settore turismo, per contenere il numero degli infortuni e delle malattie professionali, supportando la diffusione di un modello che costituisca un efficace strumento per tutti i soggetti del sistema lavoro nell'attuazione delle misure di prevenzione e sicurezza.

Il progetto avrà una durata biennale e coinvolgerà un campione di 100 imprese, presso le quali sarà effettuata una valutazione accurata delle esigenze dei settori alberghiero e ristorazione sotto il profilo della sicurezza, necessaria alla stesura delle buone prassi. Con l'attivazione delle buone prassi si intende introdurre in azienda meccanismi migliorativi che consentano anche di accedere con più facilità alle agevolazioni concesse dall'Inail. Questo tipo di progetti, oltre ad individuare regole che rendono più sicura la vita dei lavoratori nel posto di lavoro, servono anche per aumentare la professionalità del dipendente (che lavora in una logica di sicurezza/efficenza) e delle imprese (che sviluppano piani organizzativi in assenza di rischio). 


NEWS


PRESENTAZIONE DEL PROGETTO, CONFERENZA STAMPA 21 FEBBRAIO 2012
Le imprese turistiche umbre - alberghi e somministrazione - rispondono alla crisi “investendo” in sicurezza. A palazzo Donini il 21 febbraio รจ stato presentato il progetto pilota per la individuazione e diffusione delle buone prassi di prevenzione e sicurezza del lavoro nel settore turistico,
Continua ››